Requisiti – Art.327 DPR 207/2010 – Nuovo Regolamento Appalti

Articolo 327

Requisiti

1. Gli operatori economici devono possedere i requisiti generali
e di idoneita’ professionale previsti dagli articoli 38 e 39 del
codice.
2. La stazione appaltante provvede in relazione ad ogni singolo
contratto all’individuazione dei requisiti di capacita’ economica e
finanziaria e di capacita’ tecnica e professionale necessari alla
partecipazione alle procedure di acquisizione di servizi e forniture
di cui al presente capo in ragione della natura e dell’importo del
contratto. I suddetti requisiti sono individuati dalla stazione
appaltante secondo criteri di semplificazione rispetto alle
disposizioni di cui agli articoli 41 e 42 del codice.

Note all’art. 327
– Per il testo dell’art. 38 del citato decreto
legislativo 12 aprile 2006 n. 163, si veda nelle Note
all’art. 263.
– Si riporta il testo degli artt. 39, 41 e 42 del
citato decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, e’ il
seguente:
"Art. 39 (Requisiti di idoneita’ professionale) – 1. I
concorrenti alle gare, se cittadini italiani o di altro
Stato membro residenti in Italia, possono essere invitati a
provare la loro iscrizione nel registro della camera di
commercio, industria, artigianato e agricoltura o nel
registro delle commissioni provinciali per l’artigianato, o
presso i competenti ordini professionali. Si applica la
disposizione dell’articolo 38, comma 3.
2. Se si tratta di un cittadino di altro Stato membro
non residente in Italia, puo’ essergli richiesto di provare
la sua iscrizione, secondo le modalita’ vigenti nello Stato
di residenza, in uno dei registri professionali o
commerciali di cui all’allegato XI A per gli appalti
pubblici di lavori, all’allegato XI B per gli appalti
pubblici di forniture e all’allegato XI C per gli appalti
pubblici di servizi, mediante dichiarazione giurata o
secondo le modalita’ vigenti nello Stato membro nel quale
e’ stabilito.
3. I fornitori appartenenti a Stati membri che non
figurano nei citati allegati attestano, sotto la propria
responsabilita’, che il certificato prodotto e’ stato
rilasciato da uno dei registri professionali o commerciali
istituiti nel Paese in cui sono residenti.
4. Nelle procedure di aggiudicazione degli appalti
pubblici di servizi, se i candidati o gli offerenti devono
essere in possesso di una particolare autorizzazione ovvero
appartenere a una particolare organizzazione per poter
prestare nel proprio paese d’origine il servizio in
questione, la stazione appaltante puo’ chiedere loro di
provare il possesso di tale autorizzazione ovvero
l’appartenenza all’organizzazione di cui trattasi."
"Art. 41 (Capacita’ economica e finanziaria dei
fornitori e dei prestatori di servizi) – 1. Negli appalti
di forniture o servizi, la dimostrazione della capacita’
finanziaria ed economica delle imprese concorrenti puo’
essere fornita mediante uno o piu’ dei seguenti documenti:
a) dichiarazione di almeno due istituti bancari o
intermediari autorizzati ai sensi del decreto legislativo 1
settembre 1993, n. 385;
b) bilanci o estratti dei bilanci dell’impresa, ovvero
dichiarazione sottoscritta in conformita’ alle disposizioni
del d.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445;
c) dichiarazione, sottoscritta in conformita’ alle
disposizioni del d.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445,
concernente il fatturato globale d’impresa e l’importo
relativo ai servizi o forniture nel settore oggetto della
gara, realizzati negli ultimi tre esercizi.
2. Le amministrazioni precisano nel bando di gara i
requisiti che devono essere posseduti dal concorrente,
nonche’ gli altri eventuali che ritengono di richiedere. I
documenti di cui al comma 1, lettera b), non possono essere
richiesti a prestatori di servizi o di forniture stabiliti
in Stati membri che non prevedono la pubblicazione del
bilancio.
3. Se il concorrente non e’ in grado, per giustificati
motivi, ivi compreso quello concernente la costituzione o
l’inizio dell’attivita’ da meno di tre anni, di presentare
le referenze richieste, puo’ provare la propria capacita’
economica e finanziaria mediante qualsiasi altro documento
considerato idoneo dalla stazione appaltante.
4. La dichiarazione di cui al comma 1, lettera a), e’
presentata gia’ in sede di offerta. Il concorrente
aggiudicatario e’ tenuto ad esibire la documentazione
probatoria a conferma delle dichiarazioni di cui al comma
1, lettere b) e c)."
"Art. 42 (Capacita’ tecnica e professionale dei
fornitori e dei prestatori di servizi) – 1. Negli appalti
di servizi e forniture la dimostrazione delle capacita’
tecniche dei concorrenti puo’ essere fornita in uno o piu’
dei seguenti modi, a seconda della natura, della quantita’
o dell’importanza e dell’uso delle forniture o dei servizi:
a) presentazione dell’elenco dei principali servizi o
delle principali forniture prestati negli ultimi tre anni
con l’indicazione degli importi, delle date e dei
destinatari, pubblici o privati, dei servizi o forniture
stessi; se trattasi di servizi e forniture prestati a
favore di amministrazioni o enti pubblici, esse sono
provate da certificati rilasciati e vistati dalle
amministrazioni o dagli enti medesimi; se trattasi di
servizi e forniture prestati a privati, l’effettuazione
effettiva della prestazione e’ dichiarata da questi o, in
mancanza, dallo stesso concorrente;
b) indicazione dei tecnici e degli organi tecnici,
facenti direttamente capo, o meno, al concorrente e, in
particolare, di quelli incaricati dei controlli di
qualita’;
c) descrizione delle attrezzature tecniche tale da
consentire una loro precisa individuazione e
rintracciabilita’, delle misure adottate dal fornitore o
dal prestatore del servizio per garantire la qualita’,
nonche’ degli strumenti di studio o di ricerca di cui
dispone;
d) controllo, effettuato dalla stazione appaltante o,
nel caso di concorrente non stabilito in Italia, per
incarico della stazione appaltante, da un organismo
ufficiale competente del Paese in cui e’ stabilito il
concorrente, purche’ tale organismo acconsenta, allorche’ i
prodotti da fornire o il servizio da prestare siano
complessi o debbano rispondere, eccezionalmente, a uno
scopo determinato; il controllo verte sulla capacita’ di
produzione e, se necessario, di studio e di ricerca del
concorrente e sulle misure utilizzate da quest’ultimo per
il controllo della qualita’;
e) indicazione dei titoli di studio e professionali dei
prestatori di servizi o dei dirigenti dell’impresa
concorrente e, in particolare, dei soggetti concretamente
responsabili della prestazione di servizi;
f) indicazione, per gli appalti di servizi e unicamente
nei casi appropriati, stabiliti dal regolamento, delle
misure di gestione ambientale che l’operatore potra’
applicare durante la realizzazione dell’appalto;
g) per gli appalti di servizi, indicazione del numero
medio annuo di dipendenti del concorrente e il numero di
dirigenti impiegati negli ultimi tre anni;
h) per gli appalti di servizi, dichiarazione indicante
l’attrezzatura, il materiale e l’equipaggiamento tecnico di
cui il prestatore di servizi disporra’ per eseguire
l’appalto;
i) indicazione della quota di appalto che il
concorrente intenda, eventualmente, subappaltare;
l) nel caso di forniture, produzione di campioni,
descrizioni o fotografie dei beni da fornire, la cui
autenticita’ sia certificata a richiesta della stazione
appaltante;
m) nel caso di forniture, produzione di certificato
rilasciato dagli istituti o servizi ufficiali incaricati
del controllo qualita’, di riconosciuta competenza, i quali
attestino la conformita’ dei beni con riferimento a
determinati requisiti o norme.
2. La stazione appaltante precisa nel bando di gara o
nella lettera d’invito, quali dei suindicati documenti e
requisiti devono essere presentati o dimostrati.
3. Le informazioni richieste non possono eccedere
l’oggetto dell’appalto; l’amministrazione deve, comunque,
tener conto dell’esigenza di protezione dei segreti tecnici
e commerciali.
4. I requisiti previsti nel comma 1 del presente
articolo possono essere provati in sede di gara mediante
dichiarazione sottoscritta in conformita’ alle disposizione
del d.P.R. del 28 dicembre 2000 n. 445; al concorrente
aggiudicatario e’ richiesta la documentazione probatoria, a
conferma di quanto dichiarato in sede di gara.
4-bis. Al fine di assicurare la massima estensione dei
principi comunitari e delle regole di concorrenza negli
appalti di servizi o di servizi pubblici locali, la
stazione appaltante considera, in ogni caso, rispettati i
requisiti tecnici prescritti anche ove la disponibilita’
dei mezzi tecnici necessari ed idonei all’espletamento del
servizio sia assicurata mediante contratti di locazione
finanziaria con soggetti terzi.".

TITOLO V – ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE SOTTO SOGLIA E IN
ECONOMIA
CAPO I – Acquisizioni sotto soglia

NOTA: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DEL 5 0TT0BRE 2010 N. 207 – Regolamento di esecuzione e attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle Direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE “(Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10/12/2010 – Suppl. Ordinario n.270)
Ricordiamo che l’unico testo definitivo è quello pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale a mezzo stampa, che prevale in casi di discordanza. La riproduzione di testi forniti nel formato elettronico è consentita purché venga menzionata la fonte, il carattere non autentico e gratuito

Sito della Gazzetta Ufficiale della repubblica Italiana.
Scarica il file in formato testo del Nuovo Regolamento Appalti (aggiornato a Marzo 2012)
Scarica il file in formato HTML del Nuovo Regolamento Appalti (aggiornato a Marzo 2012)

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo articolo del DPR 207-2010 Nuovo Regolamento Appalti o ad ulteriori questioni ad esso connesse in ambito di regolamenti edilizi, ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com