Programmazione di lavori, servizi e forniture relativi agli interventi di cooperazione – Art.344 DPR 207/2010 – Nuovo Regolamento Appalti

Articolo 344

Programmazione di lavori, servizi e forniture relativi agli
interventi di cooperazione

(art. 225, d.P.R. n. 554/1999)

1. La programmazione dei lavori, servizi e forniture in
attuazione della legge 26 febbraio 1987, n. 49, per i quali il
Ministero degli affari esteri svolge, direttamente o per il tramite
delle ambasciate, il compito di stazione appaltante, e’ articolata
secondo il disposto dell’articolo 2, comma 2, della legge 26 febbraio
1987, n. 49. In relazione alla necessita’ di definizione degli
accordi con i paesi beneficiari possono essere inserite nella
programmazione anche solo le indicazioni delle risorse disponibili
per i programmi di intervento.
2. Qualora l’accordo di attuazione di una specifica iniziativa di
cooperazione stipulato tra l’Italia ed il paese beneficiario preveda
che il paese beneficiario svolga il compito di stazione appaltante,
l’affidamento e l’esecuzione dei lavori, servizi o forniture possono
seguire la normativa locale o quella adottata nel paese beneficiario
dalla Commissione europea o dagli organismi internazionali di cui
l’Italia e’ membro. In tal caso lo stesso accordo definisce le
modalita’ dei controlli e delle autorizzazioni da parte
dell’autorita’ italiana, per garantire il rispetto dei principi di
cui all’articolo 2 del codice e l’osservanza del divieto di utilizzo,
direttamente e indirettamente, del lavoro minorile.

Note all’art. 344
– Il testo dell’art. 2, comma 2, della legge 26/2/1987
n. 49, recante "Nuova disciplina della cooperazione
dell’Italia con i Paesi in via di sviluppo", pubblicata
nella Gazz. Uff. 28 febbraio 1987, n. 49, S.O., e’ il
seguente:
"2. Gli stanziamenti destinati alla realizzazione di
tale attivita’ sono determinati su base triennale con legge
finanziaria. Annualmente viene allegata allo stato di
previsione della spesa del Ministero degli affari esteri
una relazione previsionale e programmatica del Ministro
contenente fra l’altro le proposte e le motivazioni per la
ripartizione delle risorse finanziarie, la scelta delle
priorita’ delle aree geografiche e dei singoli Paesi,
nonche’ dei diversi settori nel cui ambito dovra’ essere
attuata la cooperazione allo sviluppo e la indicazione
degli strumenti di intervento. Il Parlamento discute la
relazione previsionale e programmatica insieme alla
relazione consuntiva di cui al comma 6, lettera c),
dell’articolo 3."
– Il testo dell’art. 2 del decreto legislativo 12
aprile 2006 n. 163, e’ il seguente:
"Art. 2 (Principi) – 1. L’affidamento e l’esecuzione di
opere e lavori pubblici, servizi e forniture, ai sensi del
presente codice, deve garantire la qualita’ delle
prestazioni e svolgersi nel rispetto dei principi di
economicita’, efficacia, tempestivita’ e correttezza;
l’affidamento deve altresi’ rispettare i principi di libera
concorrenza, parita’ di trattamento, non discriminazione,
trasparenza, proporzionalita’, nonche’ quello di
pubblicita’ con le modalita’ indicate nel presente codice.
2. Il principio di economicita’ puo’ essere
subordinato, entro i limiti in cui sia espressamente
consentito dalle norme vigenti e dal presente codice, ai
criteri, previsti dal bando, ispirati a esigenze sociali,
nonche’ alla tutela della salute e dell’ambiente e alla
promozione dello sviluppo sostenibile.
3. Per quanto non espressamente previsto nel presente
codice, le procedure di affidamento e le altre attivita’
amministrative in materia di contratti pubblici si
espletano nel rispetto delle disposizioni sul procedimento
amministrativo di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, e
successive modificazioni e integrazioni.
4. Per quanto non espressamente previsto nel presente
codice, l’attivita’ contrattuale dei soggetti di cui
all’articolo 1 si svolge nel rispetto, altresi’, delle
disposizioni stabilite dal codice civile."

PARTE VI – CONTRATTI ESEGUITI ALL’ESTERO
TITOLO I – CONTRATTI NELL’AMBITO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 26
febbraio 1987, N. 49

NOTA: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DEL 5 0TT0BRE 2010 N. 207 – Regolamento di esecuzione e attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle Direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE “(Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10/12/2010 – Suppl. Ordinario n.270)
Ricordiamo che l’unico testo definitivo è quello pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale a mezzo stampa, che prevale in casi di discordanza. La riproduzione di testi forniti nel formato elettronico è consentita purché venga menzionata la fonte, il carattere non autentico e gratuito

Sito della Gazzetta Ufficiale della repubblica Italiana.
Scarica il file in formato testo del Nuovo Regolamento Appalti (aggiornato a Marzo 2012)
Scarica il file in formato HTML del Nuovo Regolamento Appalti (aggiornato a Marzo 2012)

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo articolo del DPR 207-2010 Nuovo Regolamento Appalti o ad ulteriori questioni ad esso connesse in ambito di regolamenti edilizi, ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com