Distanza dai corsi d’acqua – Art.99 Regolamento edilizio del comune di Lucca

Art. 99 – Distanza dai corsi d’acqua
ABROGATO – Delibera C.C. n. 42 del 06/04/2004

Per distanza dai corsi d’acqua s’intende la misura, espressa in metri e frazione di metro, effettuata sul piano orizzontale, del segmento minimo congiungente il corpo più avanzato del fabbricato o di parti di esso (esclusi gli aggetti delle coperture e degli elementi decorativi, le solette e terrazzi aggettanti, le gronde, le scale aperte, ed in genere tutti i volumi degli elementi aggettanti aventi funzione strutturale) ed il ciglio del corso d’acqua, inteso come la linea originata dal cambio di pendenza del piano di campagna fino al pelo dell’acqua.

Nei casi di corsi d’acqua arginati valgono le disposizioni vigenti in materia (T.U. n. 523 del 1904).

Nei casi di corsi d’acqua classificati dalla D.C.R. 230/94 valgono le disposizioni in essa contenute.

Per tutti i corsi d’acqua appartenenti al demanio pubblico, la distanza minima da osservarsi dal ciglio non deve essere inferiore a mt. 3,00 per le recinzioni, siepi, piantagioni ecc., e mt. 5,00 per i fabbricati ivi comprese le serre , anche stagionali.

Per i fabbricati costruiti a distanza inferiore a mt. 4,00 dai corsi d’acqua non sono ammesse nuove costruzioni con corpi avanzati a distanza inferiore a mt. 4,00, ma sono consentite solo sopraelevazioni nel rispetto della normativa vigente.

E’ consentito variare la direzione di un corso d’acqua, se non appartenente al demanio pubblico, nei casi in cui rappresenti un miglioramento per lo scorrimento del medesimo.

Per quanto riguarda le opere di ampliamento, arginatura, copertura e tombamento dei corsi d’acqua in genere dovranno essere osservate le disposizioni della D.C.R. del 29.12.1994 n. 18 e successive modifiche ed integrazioni.

Tutti gli interventi sopracitati dovranno comunque acquisire il parere dell’Ente gestore del fosso, in assenza di questo degli Uffici Comunali e dal Genio Civile di Lucca.

La copertura o il tombamento di corsi d’acqua in genere è di norma consentito nei casi in cui sia necessario realizzare passi carrabili (max 5 metri) o pedonali, ampliare viabilità comunali ed effettuare altri interventi di pubblica utilità. L’intervento dovrà essere supportato da un idoneo calcolo idraulico.

Sono vietate, nelle zone agricole, le recinzioni che comportino la costruzione di cordoli sopraelevati rispetto al piano di campagna e comunque che possono creare ostacolo al libero deflusso delle acque, ad eccezione dei lotti a corredo dei fabbricati.



Visita anche la sezione dedicata all’attività edilizia sul sito del Comune di Lucca
Scarica il DOC del Regolamento Edilizio del Comune di Lucca (aggiornato a Dicembre 2012)

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo articolo del regolamento edilizio del comune di Lucca o ad ulteriori questioni ad esso connesse in ambito di regolamenti condominiali, ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com