Requisiti relativi alla sicurezza e protezione dell’utenza. – Art.150 Regolamento Edilizio Comune di Bari

Art. 150 Requisiti relativi alla sicurezza e protezione dell’utenza.
1. Ferme restando le disposizioni vigenti in materia di prevenzione degli infortuni e di igiene del lavoro, di
sicurezza antincendio, di superamento delle barriere architettoniche ed in genere ogni altra normativa
diretta a tutelare specifici aspetti delle costruzioni, ai fini della sicurezza e protezione della normale utenza,
si applicano le ulteriori prescrizioni di cui al presente articolo.
2. Requisiti dei parapetti e delle finestre.
a. Le finestre con parapetto pieno dovranno presentare il davanzale ad un’altezza di almeno 0,90 m
dalla quota del pavimento interno e comunque la somma tra l’altezza e la profondità dei davanzali non
dovrà mai risultare inferiore a 1,10 m.
b. Le finestre a tutt’altezza e quelle con parapetto pieno di altezza inferiore a quella prescritta al comma
precedente dovranno essere dotate di parapetti, di idoneo materiale, di un’altezza non inferiore a 1,00 m.
c. I parapetti dei balconi e delle finestre, di qualsiasi tipo e materiale, devono essere dimensionati in
maniera tale da resistere agli urti accidentali.
d. Le finestre, ad eccezione di quelle poste ad altezze inferiori a 1,50 m dal calpestio esterno, dovranno
presentare vetri agevolmente sostituibili e lavabili dall’interno del locale.

3. Requisiti degli spazi comuni di collegamento.
a. Nessuna delle parti che delimitano uno spazio destinato alla permanenza od al transito di persone
dovrà presentare sporgenze pericolose per l’incolumità delle medesime.
b. In tutti i casi in cui siano prescritte, dal presente Regolamento a da altre norme, larghezze minime per
i collegamenti pedonali comuni (orizzontali, inclinati o verticali che essi siano), le eventuali porte, sportelli
e simili che si aprano sul collegamento non dovranno mai comportare riduzione della larghezza minima
prescritta. Nel caso di serramenti che si aprano sul collegamento la larghezza di quest’ultimo dovrà essere
pari almeno a quella minima prescritta con una maggiorazione pari al massimo ingombro del serramento

aperto. Ove non sia possibile conseguire detta maggiore larghezza i serramenti dovranno aprirsi verso
l’interno dei vani contigui il collegamento oppure essere del tipo scorrevole.
c. Le porte collocate in corrispondenza di un cambiamento di livello del collegamento pedonale
comune dovranno avere il senso di apertura verso l’interno del livello superiore.
d. Gli spazi di collegamento destinati alla circolazione promiscua di persone e di automezzi devono
essere dotati di opportuna segnaletica.
e. Gli spazi privati di uso comune, in condizioni meteorologiche normali, non devono presentare
superfici di calpestio sdrucciolevoli.

4. Altri requisiti.
a. Ogni edificio deve essere munito di almeno un agevole e sicuro accesso alla copertura. Quando la
conformazione di quest’ultima sia tale da non consentirne la completa ispezione da un unico punto, dovrà
essere previsto un numero di accessi sufficiente a garantire un’agevole ispezione di tutta la copertura.
b. La manutenzione dei vari elementi costitutivi degli edifici, ivi comprese le coperture, deve poter
essere effettuata agevolmente ed in condizioni di sicurezza. Tutti gli edifici di nuova costruzione devono
essere dotati degli accorgimenti tecnici necessari a garantire tali condizioni.
c. Gli arredi devono, di norma, poter essere portati negli edifici e collocati nei locali attraverso le
normali vie d’accesso.
d. Gli impianti, i sistemi e le apparecchiature permanenti non devono poter immettere negli edifici
serviti o nelle loro parti, in condizioni di normale funzionamento, esalazioni, fumi o vibrazioni.
e. Gli impianti installati negli edifici ed i depositi di combustibile devono rispondere alle loro funzioni
secondo le norme di legge senza costituire pericolo per le persone e per le cose.

5. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche agli interventi di recupero del patrimonio edilizio
esistente, limitatamente allo specifico intervento progettato.

Visita anche la sezione dedicata all’attività edilizia sul sito del Comune di Bari
Scarica il PDF del Regolamento Edilizio del Comune di Bari (aggiornato a Marzo 2012)

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo articolo del regolamento edilizio del comune di Bari o ad ulteriori questioni ad esso connesse in ambito di regolamenti condominiali, ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form in basso per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita da parte dell’architetto o dell’ingegnere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com