ULTIMAZIONE DEI LAVORI. CERTIFICATO DI CONFORMITÀ. – Art.14 Regolamento edilizio del comune di Lucignano Arezzo

Art. 14 – ULTIMAZIONE DEI LAVORI. CERTIFICATO DI CONFORMITÀ.
CERTIFICATO DI ABITABILITÀ O AGIBILITÀ. INIZIO DI ESERCIZIO DI
ATTIVITÀ PRODUTTIVE
Ai sensi dell’art. 86 della L.R. 3 gennaio 2005 n. 1 e ss.mm.ii. la procedura di deposito
di cui al presente articolo avviene secondo la procedura dei seguenti commi:

1.
Ad ultimazione dei lavori, i professionisti abilitati certificano la conformità
dell’opera al progetto contenuto nel titolo abilitativo o nelle varianti ad esso, secondo
il modello predisposto dall’ufficio e depositato presso gli uffici comunali.
2.
La certificazione deve essere corredata della documentazione obbligatoria prevista
nella modulistica predisposta e riportata all’art. 23.
3.
Entro 30 giorni dalla comunicazione di fine lavori di cui ai commi precedenti deve
essere depositato il certificato di abitabilità ovvero di agibilità dell’immobile.

La certificazione di abitabilità o di agibilità delle unità immobiliari è necessaria,
oltre che per le nuove costruzioni, anche:
a) in conseguenza dell’esecuzione di lavori di ristrutturazione edilizia o di
ampliamento, che riguardino parti strutturali degli edifici;
b) in conseguenza dell’esecuzione di lavori di restauro o ristrutturazione edilizia o
di ampliamento contestuali a mutamento di destinazione d’uso.

4.
Nei casi di cui al comma 2, una volta ultimati i lavori e certificata la conformità di
cui al comma 1, ovvero applicate le sanzioni pecuniarie nei casi previsti al titolo
VIII, capo I e certificata la conformità di cui al comma 1, l’abitabilità o agibilità dei
locali è attestata da un professionista abilitato unitamente alla conformità con le
norme igienico-sanitarie, nonché alle norme sulle barriere architettoniche e alle
istruzioni tecniche di cui all’articolo 82 , comma 16. Al momento dell’attestazione,
il professionista abilitato consegna al comune, copia del fascicolo di cui all’ articolo
4, comma 1, lettera b) del d.lgs. 494/1996 , ove, ai sensi del medesimo decreto
legislativo ne sia prevista la formazione. L’abitabilità o agibilità decorrono dalla data
in cui perviene al comune l’attestazione.
5.
Entro centottanta giorni dalla data in cui è pervenuta l’attestazione di cui al comma
3, il comune, tramite l’azienda USL, dispone ispezioni, anche a campione, al fine di
verificare i requisiti di abitabilità e agibilità delle costruzioni. A tal fine fornisce
periodicamente all’azienda USL le informazioni necessarie. Sono comunque
soggette a controllo ai fini dell’applicazione della r. 47/1991 , le opere relative agli
edifici e locali di cui all’ articolo 2, comma 2, lettere a), c) e d) della stessa l.r.
47/1991 .
6.
Per l’inizio di esercizio di un’attività produttiva resta fermo quanto previsto dall’
articolo 48 del decreto del Presidente della Repubblica 19 marzo 1956, n. 303
(Norme generali per l’igiene del lavoro) da ultimo modificato dal decreto legislativo
19 settembre 1996, n. 242 , e dall’articolo 216 del regio decreto 27 luglio 1934, n.
1265 (Testo unico delle leggi sanitarie) da ultimo modificato dalla legge 283/1962 ,
nel rispetto delle procedure disciplinate dal d.p.r. 447/1998 .
7.
L’interessato, direttamente, o attraverso il comune, può richiedere alle strutture
tecniche competenti in materia sanitaria ed ambientale pareri preventivi sugli
eventuali lavori edilizi all’avvio dei procedimenti di cui al presente capo.
8.
Nel rispetto degli atti convenzionali prescritti, per interventi in maggior scala, o che
interessino la realizzazione contemporanea di più unità immobiliari in un unico
permesso di costruire, è consentito il deposito parziale di fine lavori, con
contestuale deposito di abitabilità parziale inerente l’unità immobiliare terminata.
Per il proseguo dei lavori, l’avente titolo dovrà comunque depositare un nuovo
titolo abilitativo ai sensi dell’art. 6 del presente regolamento.
Art. 14 bis – SANZIONI PER RITARDATO DEPOSITO DI ABITABILITA’
OVVERO DI AGIBILITA’

1.
Qualora l’attestazione di abitabilità ovvero di agibilità sia depositata decorsi i 15
giorni di cui al precedente articolo 14 c. 3, ai sensi dell’art. 24 del D.P.R. 380/2001
si procederà all’applicazione di una sanzione amministrativa secondo i seguenti
scaglioni, in base agli effettivi giorni di ritardo, intercorrenti dalla comunicazione di
fine lavori ed il deposito dell’istanza di agibilità:
dal 31 gg. al 45 gg. = 150,00 euro
dal 46 gg. al 60 gg. = 300,00 euro

dal 61 (sessantunesimo) giorno, il ritardo equivale anche come mancata
presentazione della fine lavori, comportando l’irrogazione della sanzione massima
prevista in Euro 464,00.

2.
La sospensione dell’efficacia del deposito di abitabilità ovvero di agibilità,
conseguente all’avvio del procedimento, comporta la sanzione amministrativa di
Euro 516,00 fatta salva l’applicazione di ulteriori procedimenti sanzionatori.

CAPO IV DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE AI TITOLI ABILITATIVI

Visita anche la sezione dedicata all’attività edilizia sul sito del Comune di Arezzo
Scarica il PDF del Regolamento Edilizio del Comune di Lucignano Arezzo (aggiornato a Dicembre 2012)

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo articolo del regolamento edilizio del comune di Lucignano Arezzo o ad ulteriori questioni ad esso connesse in ambito di regolamenti condominiali, ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com