CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI – DM14092005 Norme tecniche costruzioni (ex testo unico)

CAP.6.1.3. CARICHI PERMANENTI NON STRUTTURALI
Sono considerati carichi permanenti i carichi non rimovibili durante il normale esercizio della costruzione, quali quelli
relativi a tamponature esterne, divisorie interne, massetti, isolamenti, pavimenti e rivestimenti del piano di calpestio,
intonaci, controsoffitti, impianti ed altro, ancorché in qualche caso sia necessario considerare situazioni transitorie in cui
essi non siano presenti.
Essi vanno valutati sulla base delle dimensioni effettive delle opere e dei pesi per unità di volume dei materiali
costituenti.
In linea di massima, in presenza di orizzontamenti anche con orditura unidirezionale ma con capacità di ripartizione
trasversale, i carichi ed i sovraccarichi potranno assumersi per la verifica d’insieme come uniformemente ripartiti. In
caso contrario, occorrerà valutarne le effettive distribuzioni.
I tramezzi e gli impianti leggeri di edifici residenziali possono assumersi, in genere, come carichi equivalenti distribuiti,
quando i solai hanno adeguata capacità di ripartizione trasversale.

6.1.3.1. Elementi divisori interni Per gli orizzontamenti degli edifici per abitazioni e uffici, il peso proprio di elementi divisori mobili interni potrà essere ragguagliato ad un carico uniformemente distribuito qk che deve essere sommato ai sovraccarichi variabili ricavati dalla tabella 6.1.II, purché vengano adottate le misure costruttive atte ad assicurare una adeguata ripartizione del carico. Il carico uniformemente distribuito qk ora definito dipende dal peso proprio per unità di lunghezza Qk delle partizioni nel modo seguente:

per elementi divisori mobili con Qk = 1.00 kN / m: qk = 0.50 kN/m2;


per elementi divisori mobili con 1.00 < Qk = 2.00 kN / m: qk = 0.80 kN/m2;


per elementi divisori mobili con 2.00 < Qk = 3.00 kN / m: qk = 1.20 kN/m2;
Elementi divisori interni con peso proprio maggiore devono essere considerati in fase di progettazione tenendo conto del
loro esatto posizionamento sul solaio.

Il testo integrale e definitivo delle Norme Tecniche per le Costruzioni è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario n.159 della gazzetta ufficiale n. 222 del 23.09.2005.
Data di entrata in vigore: 23 ottobre 2005.

Decreto Ministeriale 14/09/2005 (Gazzetta ufficiale 23/09/2005 n. 222) Norme Tecniche per le Costruzioni (ex “Testo unico” delle Norme Tecniche per le Costruzioni)- SCARICA PDF
Scarica il testo del decreto dal sito Ufficale della Gazzetta Italiana

Se hai bisogno di maggiori informazioni relativamente a questo decreto ministeriale in ambito di ristrutturazioni edilizie, piani edilizi regionali e comunali, usa il form per fare una richiesta al nostro studio tecnico. Ti risponderemo prima possibile con una consulenza gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono per poter postare un commento sono, oltre all’email, il nome dell'utente. Il nome viene pubblicato - e, quindi, diffuso - sul Web unitamente al commento/richesta postata dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per gestire eventuali risposte private all'utente ed altre notifiche di servizio. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 utilizzando il form di contatto presente nel sito ristrutturazioni-edilizie.com